Crypto-miners-fuga

Non ci si annoia proprio mai con le criptovalute. Se poi ci concentriamo solo sul mondo Bitcoin, non ne parliamo. Nell’ultima settimana, la regina delle currencies digitali è scesa per la prima volta da gennaio sotto 30.000 dollari, facendo tornare in auge le discussioni sull’affidabilità di un asset così volatile.

L’analisi sull’andamento delle crypto

Simon Peters, analista di criptovalute presso la piattaforma di investimento multi-asset eToro, ha commentato: “Il Bitcoin è sceso sotto i 30.000 dollari per la prima volta da gennaio. Il motivo principale della svendita è stato il giro di vite in Cina sulle operazioni di mining e sui servizi bancari”.

Per chi ancora non lo sapesse, il mining è l’attività ad altissimo consumo energetico che permette di creare – estrarre, appunto, dalle miniere elettriche – nuovi Bitcoin.

Mentre l’incertezza a breve termine dovuta alle ultime notizie sta guidando il sell-off, a lungo termine, questa transizione di mercato potrebbe essere molto vantaggiosa per il Bitcoin e le criptovalute in generale. Decentrare il mining di criptovalute e porre fine al dominio cinese quando si tratta di mining potrebbe aiutare altri Paesi più favorevoli alle criptovalute a diventare leader nel mondo crypto”.

Le nuove attività minerarie – o le operazioni esistenti che si spostano dalla Cina – potrebbero ora guardare a fonti di energia rinnovabile per consentire operazioni pulite. Nel tempo, ciò potrebbe ridurre la quantità di energia da combustibili fossili utilizzata per l’estrazione globale di Bitcoin. Come abbiamo visto di recente, le criptovalute sono una classe di asset altamente volatile e invitiamo gli investitori a ricordare i principi di base dell’investimento; diversificare, capire in cosa stai investendo e non investire mai più di quanto puoi permetterti di perdere”, ha aggiunto l’esperto.

Crypto: la Cina frena sull’utilizzo

Perché si torna a parlare di Cina per quanto concerne le cryptocurrencies? Perché il governo di Pechino ha deciso di porre un netto freno alla creazione e all’utilizzo stesso di Bitcoin e, più in generale, di ogni tipo di valuta digitale.

Il Consiglio di Stato cinese ha inasprito i divieti per l’estrazione di criptovalute, tagliandone il 90% della capacità. Questa decisione ha comportato la fuga dei miners – coloro che creano Bitcoin e altre currencies – e la vendita dei macchinari usati per produrre le valute, come le macchine ASIC che passano di mano in questi giorni a prezzi ai minimi storici mentre i miners cercano nuovi lidi dove praticare la loro attività, concentrandosi in particolare su Stati Uniti e Kazakistan.

Ban delle Crypto della Cina: cosa comporta?

Alexandra Clark, Sales Trader presso il digital asset broker britannico GlobalBlock, ha commentato la situazione cinese: “Bitcoin ed Ethereum si sono entrambi ripresi dopo essere scesi al di sotto dei rispetti livelli di supporto cruciali di 30.000 e 2.000 dollari.

Si pensa che il calo del Bitcoin sia stato in parte causato dal terremoto sull’estrazione mineraria in Cina. Una delle più grandi migrazioni di hash-power di Bitcoin è in corso fino ad oggi a seguito di un divieto ufficiale delle attività minerarie in un certo numero di province cinesi. Ciò ha costretto molti minatori a chiudere o migrare il loro hash-power al di fuori dei confini della Cina verso giurisdizioni più “amichevoli”.

Ad esempio, la società cinese di estrazione di Bitcoin BIT Mining ha consegnato un lotto di 320 macchine da mining in Kazakistan, con altre 2.600 a seguire. Mentre l’industria mineraria cinese è alle prese con le sfide del trasferimento, si prevede che alcuni liquideranno una parte dei loro tesori di Bitcoin accumulati, come copertura contro il rischio, per finanziare la loro migrazione o per uscire completamente dal settore. Tuttavia, molti vedono la repressione della Cina come una notizia rialzista, paragonandola al divieto del Paese a Facebook e Google del 2009 e del 2010, rispettivamente”.

La situazione finanziaria

A intensificare la volatilità dei mercati c’è anche il valore di 2,5 miliardi di dollari di opzioni e altri 2 miliardi di dollari di contratti futures che sono scaduti lo scorso venerdì.

Storicamente, le scadenze delle opzioni sui Bitcoin hanno portato a un aumento della volatilità, quindi dato come si sono andate le cose di recente, questo mese probabilmente non sarà diverso.

Mentre il mercato dei Bitcoin mostra una debolezza del prezzo, c’è una riluttanza a vendere a questi prezzi. Dal massimo di 64.000 dollari, i detentori a lungo termine possiedono un ulteriore 5,3% della fornitura circolante e i dati di Santiment mostrano che gli indirizzi che detengono tra 100 e 10.000 BTC hanno aumentato le loro posizioni di 367 miliardi di dollari negli ultimi 31 giorni. Ad esempio, MicroStrategy ha acquistato altri 13.005 BTC a un prezzo medio di 37.617 dollari per un totale di circa 489 milioni di dollari”, ha aggiunto la Clark.

Il Dogecoin è sceso del 75% dal suo massimo storico di maggio e, sorprendentemente, gli investitori chiedono a Elon Musk di intervenire. Il Doge è sceso a 0,16 la scorsa settimana e, secondo gli analisti, è vicino a perdere il suo posto tra i primi 10 maggiori asset digitali per capitalizzazione di mercato ma, per una volta, Musk rimane in silenzio.