Crypto nuova chainlink

Ci eravamo lasciati con il Bitcoin attorno a 30.000 dollari e, in un mese particolarmente sottotono per le equities e il mercato valutario, le crypto hanno guadagnato nuovamente la ribalta del panorama finanziario, con il valore della valuta digitale per eccellenza tornato oltre 50.000 dollari.

Davvero ci sono ancora oppositori delle crypto?

La domanda se l’è posta Nigel Green, Chief Executive Officer e fondatore di deVere Group, che spiega: “Se qualcuno ancora non crede che le criptovalute siano il futuro del denaro, degli investimenti e della raccolta di capitali, è già considerevolmente indietro rispetto alla curva”.

Le dichiarazioni arrivano dopo l’annuncio secondo cui la stella del calcio argentino Lionel Messi riceverà un pagamento in token di criptovaluta come parte del suo trasferimento dal Barcellona al club francese del Paris Saint-Germain.

Green prosegue: “Il PSG ha solo rivelato che l’importo effettivo in token dei fan è “significativo” ma i media stimano che l’importo potrebbe essere compreso tra 25 e 30 milioni di euro. Pagare uno dei più grandi calciatori del mondo in criptovalute sottolinea ancora una volta che le crypto stesse sono ormai quasi universalmente riconosciute come il futuro del denaro. Il denaro digitale e senza confini nel nostro Mondo sempre più digitalizzato ha senso, soprattutto in un momento in cui le valute tradizionali sono state svalutate dai governi che ne stampano quantità senza precedenti”.

E continua: “Anche la demografia è dalla parte delle criptovalute. I millennial – che beneficiano del più grande trasferimento generazionale di ricchezza di sempre, che si prevede supererà i 60 trilioni di dollari dai baby boomer ai millennial nei prossimi tre decenni – sono cresciuti grazie alla tecnologia.

Sono nativi digitali. Le criptovalute sono, per loro stessa natura, guidate dalla tecnologia e la loro traiettoria a lungo termine è sicura“.

La critica alle crypto del trader di razza

A criticare la presa di posizione di Green e, più in generale, di tutti coloro che vedono nelle cryptovalute il futuro dei pagamenti e degli investimenti, è niente di meno che John Paulson, investitore americano diventato miliardario scommettendo contro i mutui subprime al culmine della bolla creditizia del 2007, ripreso da film e libri sull’argomento.

Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute“, ha detto Paulson a Bloomberg TV.

Alla domanda se sia un sostenitore delle crypto, Paulson ha risposto senza mezzi termini: “No, non lo sono. E direi che le criptovalute sono una bolla. Li descriverei come una fornitura limitata di nulla. Quindi, nella misura in cui c’è più domanda rispetto all’offerta limitata, il prezzo salirebbe. Ma nella misura in cui la domanda diminuisce, il prezzo scenderà. Non c’è alcun valore intrinseco a nessuna delle criptovalute tranne il fatto che c’è un importo limitato”.

Le criptovalute, indipendentemente da dove vengono scambiate oggi, alla fine si dimostreranno inutili.

 Una volta che l’esuberanza svanirà, o la liquidità si esaurirà, andranno a zero. Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute”.

Perché non “shortare” le crypto?

Paulson si è detto contro le cryptocurrencies e lui stesso è famoso per il grande short selling contro i mutui subprime del 2007. Allora, perché non ripetersi puntando al ribasso delle crypto?

Il motivo per cui abbiamo shortato le dimensioni dei subprime era perché il mercato era asimmetrico: lo shorting di un’obbligazione alla pari che ha una durata limitata che viene scambiata con uno spread dell’1% dei Treasury. Quindi, non puoi perdere più dello spread della maturity. Nelle criptovalute, ci sono svantaggi illimitati. Quindi, anche se potrò avere ragione nel lungo termine, nel breve termine verrei spazzato via. Nel caso del Bitcoin, è passato da 5.000 dollari a 45.000 dollari. È semplicemente troppo volatile per andare short”.

Chainlink: nel panorama delle Crypto spunta un nuovo “attore”

C’è un nuovo nome nel mondo già stracolmo di player delle crypto: Chainlink. Per capire cos’è Chainlink e perché è così promettente, dobbiamo iniziare con la spiegazione di cosa siano i contratti intelligenti.

Anche se seguite solo le criptovalute da lontano, probabilmente ne avrete sentito parlare. Sono una delle innovazioni più promettenti nel settore: contratti immutabili e verificabili che si eseguono automaticamente quando vengono soddisfatte determinate condizioni, un po’ come un distributore automatico che dispensa il tuo ordine.

Un contratto intelligente potrebbe, ad esempio, essere programmato per inviare a qualcuno 100 dollari per il suo compleanno ogni anno. Non sono coinvolte terze parti e, poiché le regole sono codificate, non c’è spazio per l’interpretazione, il che significa che è più economico, sicuro ed efficiente di un tradizionale contratto scritto.

Ma hanno un grosso problema: i contratti intelligenti, in genere, utilizzano solo i dati archiviati all’interno della blockchain. Questo è un problema perché le applicazioni più promettenti per i contratti intelligenti necessitano di dati del mondo reale da fonti off-chain per essere eseguite. Uno smart contract su derivati ​​di alto valore, ad esempio, potrebbe aver bisogno di sapere qual è il tasso di interesse attuale. È qui che entrano in gioco le reti Oracle.

Cosa sono le reti Oracle?

Le Oracle fungono essenzialmente da ponte tra i contratti intelligenti on-chain e il mondo esterno off-chain. Ma nemmeno loro sono perfette: le reti Oracle sono in genere centralizzate, il che significa che l’intera rete potrebbe essere a rischio se anche una sola fonte di dati è danneggiata, negando in primo luogo l’intero scopo dell’utilizzo di una blockchain.

Ed è per questo che Chainlink è così in voga in questo momento: è una rete oracle decentralizzata – DON –, il che significa che elimina il singolo punto di errore inerente le reti centralizzate e consente ai suoi clienti di sfruttare tutta la potenza della tecnologia in modo più affidabile.

Ciò apre molte interessanti opportunità, non da ultimo nel mondo della DeFi, che, come abbiamo detto, ha un numero quasi illimitato di casi d’uso. Ma, per raggiungere davvero il suo pieno potenziale, i contratti intelligenti devono essere in grado di collegarsi a dati esterni in modo sicuro e robusto.

Chainlink si è affermata come il DON più affidabile ed è già utilizzata in alcuni dei progetti DeFi di più alto profilo: AAVE, ad esempio, che consente ai depositanti di guadagnare interessi fornendo liquidità a un pool.

 Ha anche stabilito partnership con controparti chiave, come Google , SWIFT , Binance e Oracle. Chainlink è anche progettata per essere utilizzata con qualsiasi blockchain, rendendo le sue potenziali applicazioni ancora più ampie.

Ma dov’è l’opportunità per gli investitori?

Ecco il punto: chiunque utilizzi Chainlink dovrà pagare gli operatori del nodo utilizzando il token nativo di Chainlink, il token LINK, che è attualmente utilizzato anche per incentivare i suoi operatori a fornire dati di alta qualità.

Ciò significa che con l’aumentare del numero di applicazioni, aumenterà anche la domanda di LINK. E, a differenza del Bitcoin o dell’Ethereum, non è possibile creare altri token. Quella domanda crescente e l’offerta fissa potrebbero far salire il prezzo del token molto più in alto.

Quindi, se credete a un trend toro per Chainlink, ci sono due modi per trarre profitto: si può acquistare il token LINK direttamente in uno scambio crittografico come Coinbase o Binance o si può investire nel Grayscale Chainlink Trust, lanciato di recente.