Bitcoin El Salvador analisi

E così, alla fine, El Salvador ha dato il via libera a usare legalmente per ogni tipo di transazione il Bitcoin. La notizia ha fatto un bel po’ di rumore, spostando nuovamente l’attenzione della finanza verso la crypto più nota. Ma, per quanto rivoluzionaria possa essere, la decisione del governo di El Salvador non è proprio ben vista dalla maggior parte degli osservatori del mercato. E vedremo perché, analizzando entrambe le fazioni, i pro e i contro.

El Salvador adotta il Bitcoin: la notizia

Lo Stato centro-americano di El Salvador è diventato ufficialmente il primo Paese al Mondo ad adottare il Bitcoin come valuta legale.

Secondo quanto dichiarato dal presidente, Nayib Bukele, la finalità è quella è di spingere lo sviluppo economico e di consentire ai cittadini di risparmiare milioni di dollari in commissioni versate in rimesse dagli Stati Uniti d’America e da altri Paesi. Il presidente di El Salvador ha confermato che il suo governo ha acquistato 400 Bitcoin, per un valore di circa 21 milioni di dollari.

Chi è a favore del Bitcoin come valuta legale

Nigel Green, amministratore delegato e fondatore di deVere Group, ha definito la notizia di El Salvador “L’inizio di un nuovo Mondo“.

È quasi universalmente riconosciuto che il futuro del denaro è inevitabilmente digitale, in una forma o nell’altra. El Salvador ha fatto la storia non solo diventando il primo Paese al Mondo a dichiarare il Bitcoin come moneta a corso legale, ma diventando anche la prima Nazione sovrana ad acquistarlo ufficialmente. Credo che questo sia un momento di soglia nell’evoluzione della valuta digitale e che inauguri l’inizio di un nuovo mondo poiché possiamo aspettarci che più Nazioni, in particolare quelle con economie in via di sviluppo, seguano l’esempio storico di El Salvador“.

Proprio Lunedì, l’amministratore delegato di deVere ha ammesso che ci sono grandi rischi legati alla mossa, inclusa la possibilità che El Salvador possa rimanere senza dollari e che le istituzioni, come l’FMI, potrebbero non guardare con favore a una Nazione che ha adottato Bitcoin.

Green ha però indicato cinque motivi per cui ha “accolto con cautela” la decisione sul Bitcoin: “In primo luogo, El Salvador ha scelto di fare affidamento su una delle principali valute del “primo Mondo”, il dollaro USA, per completare le transazioni. Ma questa dipendenza dalla valuta di un altro paese comporta anche una serie di problemi, spesso molto costosi”.

“In secondo luogo, le banche centrali di tutto il Mondo hanno svalutato le loro valute mentre l’offerta di Bitcoin non è solo limitata, ma anche le nuove monete vengono estratte a un tasso decrescente. I salvadoregni potrebbero, quindi, scoprire che la nuova valuta adottata dà loro più potere d’acquisto quando acquistano dall’estero“.

In terzo luogo, l’adozione di Bitcoin da parte di El Salvador potrebbe ridurre il costo delle rimesse, una delle principali fonti di reddito per milioni di persone.

Anche le rimesse sarebbero rese più veloci e più facili, rispetto ai servizi di trasferimento di denaro o ai bonifici bancari, quindi è probabile che le rimesse aumenteranno ulteriormente. In quarto luogo, diversificando le riserve in dollari della nazione nella criptovaluta, potrebbero esserci ulteriori opportunità per guadagnare rendimento, il che significa che la dimensione delle riserve aumenterebbe. E, quinto, El Salvador potrebbe beneficiare di significativi investimenti esteri e afflussi di capitali poiché è probabile che le organizzazioni di risorse digitali si trasferiscano nella nazione amica di Bitcoin.

Chi è scettico sull’adozione del Bitcoin e perchè

Il professor Ram Gopal, a capo del Gillmore Center for Financial Technology presso la Warwick Business School, che conduce ricerche sulle criptovalute, ha dichiarato: “Sebbene il tempismo e la corsa al rialzo del Bitcoin senza garantire l’infrastruttura e l’istruzione appropriate siano discutibili, questa è davvero una mossa audace da parte di El Salvador”.

“Non è affatto sorprendente che ci siano dolori al parto, come sempre accade con qualsiasi innovazione, ma questi si alleggeriranno.

Il messaggio più ampio che è importante è che le criptovalute sono qui per restare. Che forma assumano, se sono completamente decentralizzate come il Bitcoin o si presentino sotto forme alternative come stablecoin o CBDC, dobbiamo ancora capirlo ma è uno spazio interessante da osservare”.

Ganesh Viswanath-Natraj, assistente professore di Finanza presso la Warwick Business School, ha dichiarato: “L’esperimento monetario di El Salvador per rendere il Bitcoin una moneta a corso legale è presentato come una soluzione a una popolazione in gran parte priva di banche come un efficace veicolo di risparmio e come riserva di valore per gli utenti. Tuttavia, ci sono diversi problemi con l’utilizzo del Bitcoin da un punto di vista macroeconomico e da punto di vista della stabilità finanziaria”.

“In primo luogo, c’è la volatilità del Bitcoin, con le variazioni giornaliere dei prezzi di un ordine di grandezza superiore ai tassi di cambio di una valuta fiat. Ad esempio, il Bitcoin è crollato fino al 50% il 12 marzo 2020, un evento noto come il “giovedì nero” per la comunità delle criptovalute”.

 “In secondo luogo, l’elevata volatilità di un mezzo di scambio corrisponde all’elevata volatilità della macroeconomia. Gli utenti che detengono Bitcoin ora vedranno oscillazioni selvagge nei loro risparmi, che poi si tradurrà in volatilità del consumo, ore lavorate e quindi causeranno maggiori oscillazioni nella produzione e inflazione”.

“Terzo, un canale successivo è attraverso il sistema bancario. Nella misura in cui le banche possono detenere depositi in una criptovaluta, ad esempio offrendo servizi di portafoglio in Bitcoin ai suoi residenti, le banche vedranno grandi fluttuazioni nei loro depositi. Man mano che i bilanci diventano più volatili, i prestiti bancari e i canali di credito a famiglie e imprese sono interrotti”.

 “Una potenziale soluzione all’esperimento di El Salvador è sostituire il Bitcoin con le stablecoin, una classe di criptovalute ancorate al dollaro statunitense e supportate da riserve in dollari. Nel risolvere il problema della volatilità, i vantaggi di inclusione finanziaria offerti da una criptovaluta possono aiutare a fornire un risparmio effettivo per i residenti di El Salvador, aiutandoli a regolare i consumi con benefici netti di benessere per la macroeconomia”.

L’analisi tecnica sull’andamento del Bitcoin

Spostandoci sul lato tecnico e analizzando l’andamento del Bitcoin, a prescindere dalla decisione di El Salvador, notiamo come le cryptovalute sono scese nelle ultime ore, dopo che la Commissione per i Servizi Finanziari della Corea del Sud ha annunciato la scadenza del 24 settembre per gli exchange di cryptovalute locali ed esteri per registrarsi come entità legali locali.

Il processo prevede la collaborazione con una banca locale, che, ovviamente, è difficile avvenga. L’intenzione è stata avanzata da un po’ ma l’annuncio di una scadenza rigida sembra aver messo fretta ai titolari delle piattaforme di scambio di Cryptocurrencies.

Il Bitcoin è in calo e il quadro tecnico inizia a sembrare preoccupante, secondo gli analisti. Una chiusura di inizio settimana a 45.000 dollari metterebbe nei radar un calo a 35.000 dollari. Prima che inizino i perpetui mega-bull haters, una chiusura superiore a 46.500 dollari invaliderebbe la formazione ribassista.